Articoli a domanda continuativa: modelli di gestione delle scorte e strumenti per stoccarli

  • Articoli a domanda continuativa: modelli di gestione delle scorte e strumenti per stoccarli

Articoli a domanda continuativa: modelli di gestione delle scorte e strumenti per stoccarli

4 febbraio 2019|Gestione magazzino|

Gli articoli a domanda continuativa (anche chiamati a domanda regolare) sono articoli che non presentano normalmente grossi problemi di gestione.

Si tratta infatti di prodotti che:

  • Non sono soggetti a moda e quindi i consumi di un anno sono simili a quelli di un anno successivo.
  • Non sono soggetti a stagionalità per questo l’andamento dei consumi è tutto sommato regolare e non presenta picchi o ricadute particolari in alcuni periodi dell’anno.
  • Hanno quindi un consumo abbastanza prevedibile.
  • Possono essere acquistati o prodotti con facilità in tempi rapidi, in qualsiasi quantitativo e in qualsiasi periodo dell’anno.

Questi articoli vengono gestiti con riordini periodici durante tutto l’anno. Se alla fine di un periodo resta a scorta un certo quantitativo, questo può essere utilizzato per soddisfare il fabbisogno del periodo successivo.

In questa situazione il problema relativo alla gestione delle scorte consiste sostanzialmente nel decidere le quantità da ordinare ed i tempi nei quali emettere i singoli ordini.

Tali decisioni sono ovviamente dipendenti dalle ipotesi che si formulano in merito al reale andamento delle vendite ed ai reali tempi di approvvigionamento.

Dove stoccare gli articoli a domanda regolare?

Se prevediamo di avere un numero sempre costante di riordini di un determinato prodotto, sarebbe molto utile stoccarlo nel medesimo luogo e poterne conoscere in ogni momento la quantità e le giacenze e avere sotto controllo anche lo stato del materiale. Infatti, se per ottimizzare i costi e abbassare il prezzo di acquisto del materiale produttivo, si procede con ordinativi di quantità elevate occorre essere certi di stoccare il materiale dove la merce non deperisca o non sia esposta ad agenti corrosivi o degenerativi.

Per questo un magazzino automatico verticale risulterebbe essere la soluzione in assoluto migliore per questo scopo.

Il materiale potrebbe essere risposto in un luogo sicuro, protetto, al riparo da polvere, agenti atmosferici, sporco e anche completamente controllabile.
Si potrebbero avere sempre sotto controllo le scorte e il materiale, anche a distanza di mesi o anni.
Lo stato di conservazione sarebbe assolutamente perfetto e le giacenze sotto controllo.
I prodotti a più alta rotazione situati nei cassetti con gli accessi più frequenti sarebbero in automatico collocati dal software di magazzino più vicino alla baia di prelievo, in modo tale da ridurre i tempi di attesa e velocizzare il picking.

Quanto ne sai di magazzini verticali?

Migliorare la gestione delle scorte, aumentare la sicurezza del magazzino, velocizzare le operazioni di inventario… questi e tanti altri sono i vantaggi dei magazzini verticali.

Sai come funzionano? Mettiti alla prova!

Fai il quiz!
Quanto ne sai di magazzini verticali? Fai il quiz!