Il binomio Robotica e Automazione sta rapidamente diventando un fattore importante di successo per l’innovazione e lo sviluppo di tutte le realtà industriali.

Negli ultimi anni i robot mobili autonomi (AMR) si sono diffusi ampiamente nel mercato, dimostrandosi un risorsa importante per l’efficienza logistica, specialmente se utilizzati in contesti di logistica 4.0 e in connubio con magazzini automatici.

Secondo l’IFR (International Federation of Robotics) il mercato globale dei robot mobili autonomi

ha avuto incrementi costanti con previsioni di crescita fino al 40% all’anno. L’uso di robot industriali nelle fabbriche di tutto il mondo sta infatti accelerando a un ritmo elevato: 126 robot ogni 10.000 dipendenti è la nuova media globale della densità di robot nelle industrie manifatturiere, quasi il doppio rispetto a sette anni fa (nel 2015 erano 66 unità).

MiR (Mobile Industrial Robots) è un’azienda che produce robot mobili autonomi dal 2015 e che ha visto una grande crescita nel 2021 grazie alla produzione di robot sempre più potenti che possono adattarsi a tantissimi ambienti differenti e trasportare materiali anche molto pesanti.

Il connubio vincente che consente di sfruttare al massimo questa tipologia di prodotto è quello di integrarlo con altre tipologie di automazione di magazzino, come i magazzini automatici verticali o orizzontali Modula.

Vediamo prima cosa sono effettivamente gli AMR, quali sono i loro vantaggi e quante tipologie esistono.

Cosa sono i robot mobili e quali sono i principali vantaggi?

I robot mobili autonomi o AMR (acronimo di Autonomous Mobile Robots) sono dispositivi in ​​grado di eseguire attività e di spostarsi all’interno del magazzino in maniera autonoma.

Questa tecnologia nasce per trasportare materiali all’interno di spazi industriali senza intervento umano. Gli AMR mappano lo spazio circostante e si muovono in totale autonomia e sicurezza attraverso sensori e intelligenza artificiale.

Se vuoi saperne di più leggi il nostro articolo: Robot Mobili Autonomi (AMR): come funzionano e come possono essere inseriti all’interno del magazzino

Gli AMR sono strumenti molto utili per migliorare efficienza, velocità e precisione ma anche perché essendo molto flessibili in termini di configurazione, consentono cambiamenti rapidi nei loro stessi percorsi anche a fronte di cambi improvvisi. Hanno inoltre bassi costi di mantenimento e riparazione.

L’efficienza degli AMR è dovuta anche alla continuità operativa perché le macchine possono lavorare 24 ore su 24 aumentando l’efficienza produttiva e accelerando notevolmente il ROI.

Il loro utilizzo si sposa anche con la necessità di tagliare i tempi di spostamento degli operatori durante i processi produttivi o di preparazione ordini, o di movimento in aree pericolose o dannose per la salute. Talvolta la prossimità a macchinari in opera può essere causa di lesioni o danni per le persone, che si possono evitare con l’uso di robot appunto.
Questo inoltre significa anche risparmio in termini di ore lavoro e personale che può essere adibito ad attività con maggiore valore aggiunto e soprattutto significa sicurezza per i lavoratori, per lo staff, le merci e i macchinari.

I robot inoltre richiedono minime infrastrutture e spazi, il che li rende agili e flessibili e sono anche molto semplici da programmare. Sono inoltre sempre connessi, questo significa che possono dare informazioni in tempo reale. La comunicazione inoltre è bidirezionale anche coi sistemi informativi e con il WMS o ERP.

Tipologie di Robot Mobili

Esistono tantissimi tipi di robot per trainare carichi, movimentare scatole, pallet, cassette o altro materiale o addirittura che interagiscono direttamente con magazzini automatici Modula o con nastri trasportatori.

Ad oggi il pallet è un elemento fondamentale non solo nella logistica e, più in generale in tutta la supply chain, ma anche nella catena produttiva dove, tramite la cosiddetta pallettizzazione automatizzata, si arriva ad avere il carico merce direttamente imballato e pronto per essere movimentato.

Il robot autonomo riveste un ruolo molto importante in fase di prelievo /deposito pallet movimentando il carico merce imballato all’interno del magazzino e fungendo da elemento fondamentale di raccordo tra la fase di produzione e la fase di smistamento.

Molte aziende integrano robot mobili come alternativa ai carrelli elevatori con manovratore per ottimizzare i costi e per rendere più sicure le aree produttive, soprattutto per il trasporto di merci molto pesanti.

In alcuni casi, soprattutto quando si devono eseguire molti ordini contemporaneamente, può essere utile utilizzare per il picking un sistema put-to-light mobile, cosiddetto picking cart.

Questo carrello, debitamente caricato può essere trasferito in modo efficiente tra diverse aree dello stabilimento o del magazzino.

Il picking cart può essere movimentato manualmente oppure in modo automatico, affidando il trasporto ad un ad un robot mobile ad alta capacità di carico che lo trascina grazie ad uno speciale “top module” dotato di un gancio di traino.

Nei processi di magazzino si possono utilizzare dei robot antropomorfi, ovvero un tipo di automazione industriale progettata per riprodurre alcune caratteristiche del movimento umano, così da sostituirlo nel proprio lavoro per alcune mansioni: nelle catene di montaggio, nell’attività di orientare un oggetto, oppure può essere programmato per svolgere attività di asservimento macchine utensili.

In asservimento al Modula si può utilizzare un robot mobile MIR che trasporta un Robot antropomorfo che, una volta avvicinato al magazzino automatico verticale, si occuperà di effettuare il picking direttamente dal cassetto presente in baia.

Questa applicazione è particolarmente utile per il picking dei singoli pezzi laddove il robot sostituisce la presenza umana nel picking.

Automazione totale con i robot ARM di Mir e i magazzini Modula

All’interno delle aziende, una gestione intralogistica efficiente richiede alcune caratteristiche fondamentali come lo stoccaggio rapido delle merci, la loro rapida movimentazione attraverso picking e dropping, nonché la completa gestione dei flussi tramite un software semplice e intuitivo.

La combinazione degli AMR di MiR con i magazzini verticali automatici Modula permette di effettuare prelievo, deposito e movimentazione delle merci in completa autonomia.

I software WMS del magazzino Modula e il MiR Fleet sono interattivi fra loro, permettendo così una precisa sincronia delle operazioni.

Il magazzino verticale prepara il materiale e lo dispone nella propria baia di carico/scarico.

Il robot MiR, dotato di modulo top dedicato in grado di prelevare e depositare i cassetti contenenti il materiale, si presenta di fronte alla baia e in modo autonomo preleva il cassetto dirigendosi poi verso il luogo di destinazione e consegnando il materiale.

Questa soluzione è modulare e scalabile poiché è in grado di adattarsi a numerosi ambienti con caratteristiche differenti grazie anche alla rapidità di installazione.

Infatti, l’implementazione degli AMR MiR così come le soluzioni Modula non richiedono alcuna modifica strutturale.

Questa nuova soluzione proposta dalle due aziende offre numerosi vantaggi poiché, attraverso la combinazione di due tecnologie, si sviluppa il livello di automazione delle operazioni intralogistiche, permettendo un notevole risparmio di tempo e spazio. Vengono valorizzati anche gli operatori, che d’ora in avanti non dovranno più svolgere compiti ripetitivi, gravosi e non esenti da infortuni.

Vuoi saperne di più sui magazzini verticali e orizzontali Modula?

Se i magazzini Modula ti hanno incuriosito contattaci e ti spiegheremo come utilizzarli al meglio in base alle tue esigenze.

Contattaci
Contatta Modula