Automotive

Quanto è difficile gestire un magazzino del settore automotive con le vecchie scaffalature tradizionali?

L’organizzazione del magazzino è un grattacapo per molte aziende che operano nel settore automotive. Con tutti gli accessori, i pezzi di ricambio e i componenti meccanici che servono, riempire uno, due, tre capannoni è fin troppo semplice. L’affitto, il mantenimento e la manutenzione degli spazi rappresentano una fonte di costo ingente per le casse dell’azienda. A corollario del core business di un’azienda esiste una serie di attività che deve essere svolta sistematicamente. Si tratta delle attività di manutenzione, riparazione, refill dei consumabili, pulizia dei macchinari attivi in produzione. Ogni operazione di questo tipo necessita di materiale, strumenti, prodotti che hanno bisogno di una collocazione fisica, che sia di facile accesso e sempre sotto controllo per evitare fermi o ritardi.

Modula, il magazzino automatico verticale che trasforma il vostro flusso produttivo

La precisione e il numero di ordini preparabili all’ora sono fattori determinanti che implicano un nuovo approccio alla logistica e alla gestione del magazzino. Più ordini, più spedizioni, zero errori e una migliore qualità del lavoro per gli operatori che non devono più camminare per il 70% del loro tempo alla ricerca degli articoli e riescono ad evadere un numero molto maggiori di ordini perché tutto è concentrato in un solo luogo. Anche agli ausili visivi del magazzino verticale sono un'utile guida nelle operazioni di picking e deposito. Niente più errori, niente più ordini in ritardo, più efficienza e clienti finali più soddisfatti. In quali reparti inserire Modula? In alcune aziende del settore automotive il magazzino automatico verticale agisce come buffer per stoccare pezzi o componenti che necessitano di un periodo di deposito prima di essere inoltrati alle successive fasi produttive (immaginiamo ad esempio processi di asciugatura o di essicazione). Una volta stoccati gli articoli vengono poi prelevati da operatori o da robot antropomorfi che li reintegrano nella catena produttiva. In altri casi il magazzino verticale Modula, posizionato in una stazione intermedia della produzione, viene usato come buffer di emergenza. Nel caso in cui si fermi una stazione a monte del Modula, si attinge direttamente da esso il materiale di cui si necessita per l’avanzamento della produzione, se il blocco è a valle di esso, si stocca quanto prodotto fino a quel punto della linea e il magazzino si riempie di semilavorati.

Modula può essere realizzato con baie contrapposte (fronte-retro) facendo sì che gli operatori carichino il materiale pronto da un lato del magazzino e gli addetti al montaggio o alla produzione lo prelevino dalla baia opposta. Nell’asservimento delle linee di produzione l’affidabilità, la velocità e l’ampia gamma di baie automatiche interne ed esterne del Modula si sono rivelate leve fondamentali per migliorare le performance produttive. Per concessionari e officine ricambi in cui si gestisce in loco il service, il maggiore vantaggio è un controllo costante dell’inventario e la significativa riduzione dei tempi per approvvigionarsi delle parti di ricambio e aiutare così gli operatori del service nella loro attività quotidiana. L’altissima densità di stoccaggio del Modula consente poi alle officine di sfruttare al meglio la superficie occupata, risparmiando oltre l’85% dello spazio a terra rispetto al magazzino tradizionale.

Modula Lift, una scelta comune per molte aziende che operano nel settore automotive. Ma come potenziarlo al massimo?

Potete ottenere di più dal vostro magazzino automatico verticale integrando alcuni dispositivi che renderanno il picking o il versamento più facili ed efficienti. Quali accessori vi consigliamo? Barra LED Alfanumerica, Puntatore Laser, Put to Light, Separatori, Divisori e Rialzi per i cassetti e Interfaccia Robot che interagisce direttamente con la macchina come nel caso di Ford.



VUOI SAPERE PERCHé ALTRE AZIENDE HANNO SCELTO MODULA?

Contattaci