CONDIZIONI GENERALI DI APPALTO PER MODULA S.p.A.

Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

Le presenti Condizioni Generali d’Appalto (d’ora innanzi denominate “Condizioni di Appalto”) si applica a tutti i contratti di appalto (d’ora innanzi denominati “Contratto/i”) stipulati da Modula S.p.A. (d’ora innanzi denominata “”) con un proprio Appaltatore (d’ora innanzi denominato “Appaltatore”), per la fornitura o la realizzazione di un’opera (d’ora innanzi denominata “Opera”). Esso è inoltre applicabile, “mutatis mutandis”, anche nel caso di contratto di forniture di servizi (sostituendo in tal caso il termine “Servizio” al termine “Opera”), a meno che le disposizioni contenute nel presente Condizioni di Appalto non siano palesemente incompatibili con la disciplina contrattuale dell’appalto di servizi. Esso costituisce parte integrante e sostanziale dell’ordine formale emesso da Modula (d’ora innanzi denominato “Ordine”) al quale è allegato o dal quale esso è richiamato insieme ai documenti richiamati nell’Ordine e nelle presenti Condizioni Generali di Appalto che l’Appaltatore dichiara di ben conoscere. Esso costituisce inoltre parte integrante e sostanziale di ogni contratto di appalto concluso tra Modula e l’Appaltatore ove da esso esplicitamente richiamato.
Le norme e le condizioni generali delle presenti Condizioni di Appalto possono essere modificate solamente per iscritto.

Art. 2 DOCUMENTI CONTRATTUALI

2.1 I documenti contrattuali che disciplinano l’esecuzione, da parte dell’Appaltatore, di un’Opera sono di norma costituiti da:
a) Contratto
b) Disposizioni in tema di sicurezza di Modula
c) Specifiche Tecniche, norme/prescrizioni particolari
d) Condizioni di Appalto
e) Elaborati Grafici
f) Programma lavori
g) Eventuali altri documenti specificati nel contratto
2.2 Tale elencazione ha carattere puramente indicativo. Pertanto, a seconda delle circostanze della natura dell’Opera, potranno mancare uno o più dei documenti sopra indicati ovvero il contratto potrà essere integrato da altri documenti non rientranti nell’elencazione di cui al paragrafo che precede. La documentazione elencata al precedente paragrafo 2.1 e gli eventuali ulteriori documenti d’integrazione al Contratto sono esaustivi della disciplina negoziale e formalizzano la totalità degli accordi tra Modula e l’Appaltatore in relazione all’Opera. Conseguentemente essi annullano e sostituiscono qualsiasi precedente accordo, scritto o verbale, intervenuto tra Modula e l’Appaltatore in relazione all’Opera.
2.3 Le prescrizioni riportate sui documenti contrattuali sopra elencati sono tra loro complementari. Nel caso di conflitto tra le disposizioni riportate su tali documenti contrattuali, le prescrizioni di ciascun documento hanno valore prevalente su quello del successivo secondo l’ordine della elencazione prevista al precedente paragrafo 2.1.
2.4 L’Appaltatore espressamente riconosce che Modula possa apportare modifiche al Contratto in qualsiasi momento, previa comunicazione scritta, e fin d’ora accetta le modifiche che non comportino variazione di elementi essenziali del Contratto (quali, ad esempio, oggetto della fornitura, prezzo, condizioni di pagamento, etc.).
2.5 Si ritiene, in ogni caso, come non scritta ed inefficace ogni condizione o modifica apposta dall’Appaltatore all’Ordine e/o alle presenti Condizioni di Appalto al momento dell’accettazione dell’Ordine ovvero in ogni altro documento, anche successivo a tale accettazione, che non sia stata espressamente concordata ed accettata per iscritto da Modula.
2.6 Le date ed i termini indicati nel Contratto sono sempre essenziali.
2.7 Ogni realizzazione di forniture di beni o servizi a Modula dovrà essere espressamente stabilita da un Contratto. L’Ordine ed ogni successiva variante allo stesso saranno impegnativi per Modula unicamente qualora siano emessi dall’Ente Acquisti di Modula o da Ente allo scopo delegato e siano debitamente sottoscritti da propri procuratori dotati di idonei poteri di rappresentanza. L’Appaltatore dovrà astenersi dall’effettuare lavori o attività riferite all’Opera che non siano previste nel Contratto o nelle successive varianti allo stesso.

Art. 3 AUTONOMIA DELL’APPALTATORE

3.1 I lavori previsti nel Contratto saranno eseguiti dall’Appaltatore con propria organizzazione di mezzi e a proprio rischio, senza alcun vincolo di dipendenza e/o di subordinazione nei confronti di Modula. L’obbligazione dell’Appaltatore è di risultato e non viene meno neppure quando l’Appaltatore debba assoggettarsi a regole, prescrizioni, norme, consigli tecnici, etc.
3.2 Nell’esecuzione del Contratto l’Appaltatore deve tener conto di tutti i fattori che possano influire sulla sua attività (stagioni, ferie, attività poste in essere da Modula o da terzi, etc.).
3.3 L’Appaltatore, con l’emissione della propria conferma d’ordine, dichiara, pertanto, di essersi pienamente reso edotto della natura e delle caratteristiche tecniche, tecnologiche e funzionali dell’Opera da realizzare e di aver tenuto debito conto di tutti i fattori, le circostanze, le alee connesse all’esecuzione dell’Opera ed alle modalità operative che possano influire sull’esecuzione dei lavori e sulla determinazione del corrispettivo. L’Appaltatore non potrà, pertanto, sollevare alcuna eccezione riguardo al verificarsi di rallentamenti o ritardi nello svolgimento dei lavori o degli aumenti di costi dovuti a circostanze non previste all’atto di accettazione dell’Ordine.
3.4 Con l’accettazione dell’Ordine o la sottoscrizione del Contratto l’Appaltatore espressamente dichiara e garantisce quanto segue:
a) di assumere la piena ed intera responsabilità tecnica e gestionale ed ogni rischio afferente l’adempimento del Contratto, sia nei riguardi di Modula che di terzi;
b) di disporre dei mezzi, anche finanziari, e dell’organizzazione necessari per eseguire il Contratto e di assumere la piena responsabilità dell’operato dei suoi dipendenti, anche con riferimento a danni da questi cagionati a Modula e/o a dipendenti di questa e/o di terzi;
c) di impegnarsi a coordinare, ove necessario, le proprie attività con quelle svolte da Modula o da terzi delegati da Modula, ponendo quesiti e richiedendo informazioni utili all’esecuzione del Contratto;
d) ferma restando la propria responsabilità di dare piena e puntuale esecuzione al Contratto, di impegnarsi a comunicare a Modula, con la massima tempestività e per iscritto, l’insorgere di eventuali fatti e circostanze che impediscano la realizzazione dell’Opera con le modalità e le tempistiche ivi stabilite.
3.5 La mancata, errata o insufficiente valutazione di tutte le circostanze attinenti all’esecuzione dell’Ordine da parte dell’Appaltatore non esimerà quest’ultimo dal rispetto di tutti gli impegni assunti nel Contratto.

Art. 4 CONCLUSIONE DEL CONTRATTO

4.1 Il Contratto si considera concluso e l’Ordine diviene, pertanto, irrevocabile da parte di Modula a partire dal momento in cui perviene a quest’ultima il relativo duplicato (conferma d’Ordine), senza alcuna variazione o aggiunta e debitamente sottoscritto dall’Appaltatore per accettazione. Il Contratto si considera inoltre concluso quando esso sia sottoscritto da entrambe le parti, in tal caso esso si considera sottoscritto presso la sede legale di Modula alla data in esso indicata.
4.2 Qualora Modula e l’Appaltatore fossero collegati in rete telematica, l’Ordine e la conferma d’Ordine potranno essere trasmessi anche per via telematica. In tal caso il Contratto si considera concluso e l’Ordine diviene pertanto irrevocabile nel momento in cui la conferma d’Ordine viene resa disponibile dall’Appaltatore del servizio dati telematici presso la casella elettronica di Modula. Resta fermo, in ogni caso, quanto disposto al successivo paragrafo 4.3.
4.3 Ancorché Modula non riceva il duplicato dell’Ordine (conferma d’Ordine) sottoscritto per accettazione dall’Appaltatore o trasmesso per via telematica, l’inizio dell’esecuzione dell’Opera da parte dell’Appaltatore si intenderà, in ogni caso, come accettazione tacita delle presenti Condizioni di Appalto e delle condizioni specifiche espresse nell’Ordine.
4.4 Eventuali richieste, scritte o orali, di esecuzione dell’Opera non impegnano Modula se non al momento dell’emissione dell’Ordine.
4.5 Qualora l’Appaltatore riscontri nell’Ordine emesso da Modula un errore (od un’omissione) materiale, concernente gli aspetti commerciali o tecnici relativi alla fornitura dell’Opera, dovrà immediatamente segnalare tale circostanza a Modula al fine di consentire a quest’ultima di provvedere alle opportune correzioni e modificazioni dell’Ordine.

Art. 5 PRESCRIZIONI TECNICHE INERENTI L’OPERA

5.1 L’Appaltatore dovrà assicurare, sotto la sua esclusiva responsabilità ed a propria cura e spese, che l’Opera rispetti tutte le prescrizioni tecniche in materia impartite da Modula o contenute in leggi, regolamenti, norme armonizzate, ecc., vigenti o che entrassero in vigore durante l’esecuzione dei lavori fino al momento dell’accettazione dell’Opera.
5.2 Sarà, pertanto, cura dell’Appaltatore prendere piena conoscenza di tutte le prescrizioni tecniche applicabili all’Opera e richiedere a Modula tutte le informazioni di cui questa disponga e che l’Appaltatore ritenga utili o necessarie in relazione all’esecuzione dell’Opera, fermi restando gli obblighi che la legge pone a carico di Modula.
5.3 L’Appaltatore dovrà consegnare a Modula, unitamente all’accettazione dell’Ordine o alla sottoscrizione del Contratto, tutta la documentazione prevista dalle norme vigenti od emanande in materia di sicurezza ed ogni ulteriore documentazione ad esso spettante che sia prescritta da norme cogenti ad esso applicabili.

Art. 6 OBBLIGAZIONI PARTICOLARI DELL’APPALTATORE

6.1 L’Appaltatore assicura, sotto la sua esclusiva responsabilità, ed a propria cura e spese, che l’esecuzione dei lavori sia realizzata in conformità al Contratto, ed agli eventuali altri documenti contrattuali a perfetta regola d’arte e secondo le tecniche più avanzate, nel pieno rispetto di tutte le leggi, i regolamenti e le prescrizioni di qualsivoglia autorità, vigenti o che entrassero in vigore durante l’esecuzione dei lavori, che abbiano comunque attinenza all’esecuzione dell’Opera fino al momento della sua accettazione.
6.2 L’Appaltatore deve altresì provvedere all’esecuzione di quegli adempimenti e quelle attività complementari che, sebbene non descritti o richiamati dall’Ordine, sono necessari per il completamento dell’Opera a regola d’arte e per renderla atta all’utilizzazione pattuita. Egli è tenuto a dare esecuzione ai lavori nel modo più completo ed estensivo, anche qualora l’Ordine definisca solo gli elementi essenziali dell’Opera.
6.3 L’Appaltatore dovrà, in particolare, assicurare che l’Opera sia realizzata in totale conformità alle normative in materia di sicurezza e tutela della salute, igiene, ambiente ed ecologia, ergonomia, prevenzione incendi, vigenti di volta in volta in Italia, nell’U.E. e nel paese in cui l’Opera è destinata, provvedendo alla predisposizione di tutta la documentazione richiesta al riguardo, ed assicurare, parimenti, che le lavorazioni relative all’Opera siano svolte nel pieno rispetto di tutte le normative laboristiche vigenti nel luogo in cui esse vengono realizzate. In particolare, ed a titolo meramente esemplificativo, l’Appaltatore si impegna:
- ad osservare scrupolosamente le Disposizioni in materia di Sicurezza di Modula
- a corrispondere al personale una retribuzione non inferiore a quanto stabilito dalle norme contrattuali di carattere collettivo in vigore per la categoria di appartenenza;
- ad effettuare il versamento delle ritenute fiscali sui redditi da lavoro dipendente ed il versamento dei contributi previdenziali ed assicurativi obbligatori;
- a provvedere sotto la propria responsabilità alla stipula ed al pagamento delle assicurazioni relative agli infortuni sul lavoro, per l’assistenza malattia e la previdenza sociale ed a osservare le vigenti disposizioni in materia di legislazione del lavoro;
- ad adottare tutte le predisposizioni ed i provvedimenti atti ad evitare il verificarsi di danni alle persone o alle cose sia durante l’esecuzione delle prestazioni che nelle operazioni accessorie, quali quelle inerenti al trasporto, alla consegna, al collaudo, ecc.;
- ad eseguire i lavori con personale altamente qualificato e specializzato, formato ed informato in maniera idonea, tenuto conto della natura dell’Opera;
- a predisporre i provvedimenti atti ad evitare ogni forma di inquinamento in dipendenza della prestazione eseguita.
6.4 Qualora la prestazione venga svolta, anche parzialmente, nei locali di Modula o di terzi, il personale dell’Appaltatore dovrà osservare scrupolosamente tutte le norme, i regolamenti e le disposizioni disciplinari ivi in vigore.
6.5 A tal fine l’Appaltatore dovrà informarne i propri dipendenti e/o i propri fornitori dei rischi specifici connessi alle attività svolte nei locali di proprietà Modula o di terzi e, conseguentemente, predisporre tutti i mezzi di protezione e prevenzione, individuali e collettivi, necessari ed opportuni per evitare il verificarsi di infortuni e danni alle persone e cose durante l’esecuzione dei lavori, emanando in proposito le necessarie disposizioni di sicurezza e vigilando sulla loro puntuale esecuzione.
6.6 I contratti di appalto aventi per oggetto opere o attività che necessitano di particolari autorizzazioni (di legge amministrative o altro) sono sottoposti alla condizione che l’Appaltatore trasmetta a Modula copia delle prescritte autorizzazioni prima dell’inizio di tali opere o attività.
6.7 In caso di mancata osservanza di quanto sopra stabilito ai paragrafi da 6.1 a 6.6 Modula avrà la facoltà di risolvere il Contratto di pieno diritto con effetto immediato ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 1456 cod. civ. mediante semplice comunicazione scritta all’Appaltatore e di richiedere all’Appaltatore il risarcimento dei danni.

Art. 7 SUBAPPALTO

7.1 E’ fatto divieto all’Appaltatore di affidare a terzi l’esecuzione, totale o parziale, dei lavori oggetto dell’Ordine senza esplicita autorizzazione scritta di Modula. In caso di violazione del suddetto obbligo, Modula avrà la facoltà di risolvere il Contratto di pieno diritto con effetto immediato ai sensi e per gli effetti dell’articolo 1456 cod.civ. mediante semplice comunicazione scritta all’Appaltatore, e di richiedere all’Appaltatore il risarcimento dei danni.
7.2 Per quelle operazioni o lavorazioni per cui venisse riconosciuta la necessità di subappaltare a ditte specializzate parte delle prestazioni, l’autorizzazione scritta ottenuta per il subappalto non esonererà l’Appaltatore dai suoi obblighi, oneri e responsabilità contrattuali nei confronti di Modula che rimane completamente estranea ai rapporti tra l’Appaltatore ed i suoi subappaltatori e/o fornitori. L’Appaltatore risponderà pienamente dell’esatto e puntuale adempimento dei subappaltatori così come in proprio.
7.3 L’Appaltatore, per quanto applicabile, dovrà porre a carico dei propri subappaltatori e far loro osservare tutti gli obblighi e gli oneri previsti per l’Appaltatore nelle presenti Condizionidi Appalto e negli altri documenti contrattuali.
7.4 Qualora, nel corso dell’esecuzione dell’Ordine, Modula, a suo insindacabile giudizio, ritenesse il subappaltatore inidoneo ad eseguire i lavori subappaltati, l’Appaltatore, a seguito di comunicazione scritta di Modula, dovrà eseguire direttamente tali lavori senza alcun diritto di pretendere indennizzi, risarcimento dei danni o spostamento dei termini di ultimazione.

Art. 8 INFORMAZIONI TECNICHE E PROPRIETA’ INDUSTRIALE

8.1 Qualsiasi informazione di carattere commerciale o tecnico (quali, in via meramente esemplificativa, costi, bozze e/o disegni definitivi di progetto, piani, specifiche tecniche, calcoli, documenti in genere ed altri dati) che sia comunicata per iscritto, sia su supporto cartaceo sia su supporto informatico, o verbalmente da Modula all’Appaltatore in relazione al Contratto dovrà essere e restare confidenziale e riservata in conformità a quanto previsto dal presente articolo. L’Appaltatore si impegna a proteggere tutte le informazioni ricevute ed a trattarle con la massima riservatezza, impegnandosi a non divulgare alcun dettaglio ad altri eccetto che ai propri dipendenti e consulenti preventivamente autorizzati a riceverli, in relazione all’attività svolta ovvero a terzi appositamente autorizzati per iscritto da Modula.
8.2 A tal scopo l’Appaltatore si impegna a comunicare a Modula, per iscritto, il verificarsi di qualsiasi evento che dia luogo alla divulgazione di informazioni riservate, con un preavviso di almeno 15 (quindici) giorni rispetto alla data della divulgazione. Resta comunque inteso che, anche in caso di divulgazione, l’Appaltatore adotterà tutte le precauzioni atte a minimizzare gli effetti pregiudizievoli derivanti dalla divulgazione stessa. Gli obblighi di cui al paragrafo precedente 8.1 saranno oggetto di adempimento anche successivamente alla conclusione del Contratto fino a quando le suddette informazioni non siano divenute di pubblico dominio per motivi non dipendenti dalla condotta del Appaltatore.
8.3 Le informazioni ricevute restano di esclusiva proprietà di Modula e potranno essere utilizzate dall’Appaltatore solo per l’esecuzione del Contratto e delle attività ad esso correlate. L’Appaltatore, si impegna, a semplice richiesta di Modula, comunicata in qualsiasi momento e con qualsiasi mezzo, a restituire immediatamente a Modula le informazioni ricevute per iscritto.
8.4 In relazione ad esse l’Appaltatore, anche dopo la cessazione del Contratto, è tenuto a:
a) conservarle con la massima cura e riservatezza e, in caso di richiesta, restituirle a Modula;
b) contraddistinguerle come di proprietà Modula nel caso in cui quest’ultima non vi abbia provveduto;
c) non riprodurle e non copiarle se non nei limiti autorizzati espressamente da Modula e non trasmetterle o rivelarne il contenuto a terzi, fino a che esse siano divenute di dominio pubblico per fatto non a lui imputabile;
d) non domandare brevetti o altro tipo di privativa industriale, che, comunque, qualora siano domandati e concessi, dovranno essere ceduti in proprietà esclusiva a Modula;
e) non produrre o far produrre e/o fornire a terzi, a qualsiasi titolo, direttamente o indirettamente, prodotti disegnati o realizzati sfruttando le informazioni tecniche di cui sopra;
f) imporre e garantire il rispetto delle obbligazioni derivanti dal presente articolo da parte dei propri dipendenti, fornitori o terzi con lui cooperanti, ai quali egli sia stato autorizzato da Modula a trasmettere le informazioni tecniche di cui sopra, nell’ambito dell’esecuzione del Contratto.
8.5 Nel proporre o accettare di studiare e/o realizzare l’Opera, l’Appaltatore è tenuto a comunicare preventivamente per iscritto a Modula se e, nel caso, quali titoli di privativa industriale, relativi o applicabili all’Opera od a un particolare in essa incorporato, siano di sua proprietà o da lui utilizzati su licenza di terzi. La mancata preventiva comunicazione, da parte dell’Appaltatore, si intenderà come rinuncia a far valere detti titoli di privativa industriale, di sua proprietà, nei confronti di Modula ed anche nei confronti di quei fornitori ai quali Modula possa avere, anche successivamente all’esecuzione dell’Ordine, affidato la produzione, per suo conto, del particolare coperto da titoli di privativa industriale di proprietà dell’Appaltatore. La mancata comunicazione si intenderà altresì come impegno a procurare a Modula, e a detti altri fornitori, l’autorizzazione ad utilizzare i titoli di privativa industriale da esso Appaltatore utilizzati su licenza di terzi.
8.6 L’Appaltatore si impegna a non utilizzare, per la realizzazione di altre opere identiche o analoghe a quelle previste dall’Ordine le informazioni ed i diritti di proprietà industriale di Modula e di cui sia venuto a conoscenza, salvo in cui sia stato previamente autorizzato per iscritto da Modula.
8.7 Nel caso in cui, in collegamento con lavori di ricerca, progettazione, sperimentazione o sviluppi effettuati in esecuzione dell’Ordine, l’Appaltatore realizzi invenzioni, brevettabili o meno, ovvero opere dell’ingegno, egli è tenuto a darne comunicazione a Modula ed a mettere a sua disposizione tutte le informazioni e la documentazione utili o necessarie per la realizzazione delle stesse, concedendo contestualmente a Modula il diritto di licenza gratuito e non esclusivo per la produzione o riproduzione (sia direttamente che per il tramite di terzi) e per la vendita e l’uso, in Italia ed all’estero. Qualora l’invenzione oggetto del titolo di privativa industriale ovvero l’opera dell’ingegno oggetto del diritto d’autore applicabili all’Opera siano state ottenute dall’Appaltatore in modo del tutto autonomo e non in collegamento con lavori di ricerca, progettazione, sperimentazione o sviluppi effettuati in esecuzione dell’Ordine ovvero siano state ottenute senza avvalersi delle informazioni, della documentazione o della collaborazione tecnica di Modula, quest’ultima come corrispettivo della licenza pagherà un’equa remunerazione. L’Appaltatore si impegna, ove richiesto da Modula, a domandare l’idonea privativa dell’invenzione in Italia e nei principali Paesi esteri oppure a consentire a Modula di farlo, in nome e per conto dell’Appaltatore.
8.8 Nel caso in cui i lavori di cui sopra siano stati eseguiti dall’Appaltatore in esecuzione di uno specifico incarico di Modula, l’invenzione ed i relativi titoli di privativa industriale, i disegni ed in generale i risultati tecnici ottenuti nonché le opere d’ingegno saranno di proprietà esclusiva di Modula, sempreché l’incarico sia stato affidato da Modula a titolo oneroso.
8.9 L’Appaltatore garantisce che la produzione, l’uso e la commercializzazione dei particolari da lui forniti ed utilizzati nell’esecuzione dell’Opera non comportano contraffazione di diritti di proprietà industriale di terzi, sia in Italia che all’estero, assumendosi l’onere della pronta definizione delle eventuali pretese di terzi e tenendo comunque Modula indenne da tali pretese e protetta da ogni azione suscettibile di interdire la libera produzione e vendita. In ogni caso l’Appaltatore manleva Modula da qualsiasi responsabilità e la tiene indenne da qualsiasi onere o pretesa che possa derivare a quest’ultima in relazione all’utilizzo di brevetti, licenze, disegni, modelli, marchi ed altri titoli di privativa industriale, concernenti le forniture, i materiali, gli impianti, i procedimenti ed i mezzi utilizzati nell’esecuzione dell’Opera. Nel caso di contenziosi relativi a tali titoli di privativa industriale, l’Appaltatore si impegna ad intervenire e sostituirsi a Modula, qualora questa sia citata, assicurandone la difesa e rimborsando a quest’ultima tutte le spese e gli oneri da essa subiti.
8.10 Qualora Modula sia obbligata a cessare di utilizzare l’Opera in conseguenza delle precedenti domande di rivendica, l’Appaltatore è tenuto immediatamente a garantire, a sue spese, a Modula, in alternativa, una delle seguenti soluzioni:
a) sostituire o modificare l’Opera in modo da evitare ulteriori contestazioni sul diritto di utilizzo, fermo restando che dovranno, comunque, essere assicurate prestazioni equivalenti a quelle dell’Opera originaria;
b) riprendere in consegna l’Opera da Modula, restituendo il corrispettivo percepito.
Resta comunque inteso che, in ogni caso, l’Appaltatore sarà tenuto al risarcimento dei danni subiti da Modula.
8.11 L’Appaltatore si impegna, ove richiesto da Modula, ad apporre il marchio Modula o altri marchi e segni distintivi appartenenti a Modula sull’Opera, sui particolari incorporati in quest’ultima indicati da Modula e sugli eventuali ricambi, con le modalità e secondo le istruzioni ordinate da Modula. Siffatta applicazione non potrà, in nessun caso, intendersi come licenza d’uso del marchio Modula. Pertanto, l’Opera, i particolari e gli eventuali ricambi così contrassegnati potranno essere forniti esclusivamente a Modula. L’utilizzo dei marchi Modula dovrà cessare in ogni momento dietro richiesta di Modula e, comunque, in ogni caso, al termine dell’esecuzione del Contratto.

Art. 9 ASSICURAZIONI

9.1 In aggiunta a tutte le assicurazioni obbligatorie per legge (infortuni sul lavoro, malattie professionali, ecc.) per tutto il personale impiegato nell’esecuzione dei lavori, l’Appaltatore dovrà stipulare, con indicazione del massimale e con primarie compagnie di assicurazione approvate da Modula, idonee polizze assicurative, di gradimento di Modula, necessarie a garantire i propri dipendenti, Modula ed i terzi da tutti i danni, a persone e a cose, che possano subire in conseguenza dell’esecuzione del Contratto. Tra le altre, l’Appaltatore dovrà stipulare un’adeguata polizza che copra il rischio da responsabilità del produttore e, in materia di trasporti, provvedere ad assicurare con idonea polizza il carico per tutti i possibili incidenti o danni che possano occorrere durante il trasporto (a titolo meramente esemplificativo, furto, incendio, danneggiamento, perdita, ecc.). Fermo restando quanto sopra, i massimali delle polizze assicurative in materia di General e Product Liability (RCT/RCO/RCP) che l’Appaltatore dovrà stipulare non dovranno essere inferiori a Euro 3 milioni salva diversa indicazione da parte di Modula.
9.2 L’Appaltatore comunicherà a Modula con il debito preavviso i nominativi dell’assicuratore per approvazione e dovrà produrre a Modula, a semplice richiesta di quest’ultima, tutte le polizze assicurative, a mente del precedente paragrafo 9.1, con l’attestazione della loro vigenza fermo restando che l’esistenza di dette polizze non potrà in alcun modo essere interpretata come limitazione delle responsabilità che gravano sull’Appaltatore, per legge o in relazione all’esecuzione dell’Ordine. Di conseguenza l’Appaltatore risponderà direttamente qualora l’ammontare dei danni verificatisi dovesse superare i massimali previsti sulle succitate polizze.
9.3 Le suddette polizze dovranno essere mantenute in vigore per l’intero periodo di durata dei lavori, compresi i collaudi e fino all’accettazione definitiva.
9.4 L’Appaltatore dovrà tenere informata Modula su ogni modifica, sospensione o risoluzione delle sue polizze di assicurazione.

Art. 10 OBBLIGHI DI INFORMAZIONE

10.1 L’Appaltatore ha l’obbligo di informarsi ed informare tempestivamente Modula di tutti i fatti e le circostanze, ivi comprese le conseguenze di lavori o forniture di terzi al di fuori della propria responsabilità, connesse o collegate all’Opera, che possano influire o nuocere alla corretta e puntuale esecuzione dell’Ordine, ivi compresi eventuali informazioni, dati o benestare necessari al fine della realizzazione dell’Opera a regola d’arte.
10.2 In ogni caso in cui per Contratto, per legge o di fatto sia necessaria la collaborazione dell’Appaltatore per rendere possibile l’esecuzione o la prosecuzione dei lavori da parte di altri appaltatori di Modula, l’Appaltatore è tenuto a renderla con tempestività e diligenza.

Art. 11 RAPPRESENTANZA DELL’APPALTATORE

11.1 L’Appaltatore, all’accettazione dell’Ordine o con la sottoscrizione del Contratto, nomina un proprio idoneo rappresentante, con il compito di agire da interfaccia nei confronti di Modula per tutte le problematiche connesse all’esecuzione del Contratto.
11.2 Qualora l’Opera sia realizzata, totalmente o parzialmente, presso locali di Modula od i altri terzi, l’Appaltatore dovrà proporre a Modula, all’atto di accettazione dell’Ordine, o della sottoscrizione del Contratto un proprio rappresentante che agisca in qualità di Responsabile di Cantiere, al quale sono demandati tutti i compiti, i controlli e le responsabilità inerenti alla conduzione ed esecuzione dei lavori, comprese le attività tecnico-amministrative e gestionali per coordinare lo svolgimento delle attività nel cantiere, sia tra il personale della propria impresa, sia in relazione al personale di Modula o delle altre imprese operanti all’interno dello stesso. A tal fine il responsabile di Cantiere dovrà preventivamente predisporre un programma dettagliato di svolgimento dei lavori e concordarne le modalità di attuazione con l’Ente competente di Modula o del terzo presso cui l’Opera sia realizzata, affinché tali lavori siano coordinati con le altre attività che hanno luogo negli stessi locali al fine di garantire la sicurezza dei lavoratori.
11.3 In particolare il Responsabile del Cantiere è tenuto a verificare che i lavori siano svolti secondo le pattuizioni contrattuali e che siano adottate tutte le misure che, secondo la particolarità dell’Opera, l’esperienza e la tecnica nonché in relazione alle lavorazioni ed alle attività svolte, sono necessari a tutelare l’integrità fisica dei dipendenti dell’Appaltatore, in particolare assicurando che vengano apprestate tutte le misure ed osservate tutte le norme vigenti od emanande in materia di igiene, di sicurezza e di prevenzione degli infortuni.
11.4 Il nominativo della persona proposta in veste di Responsabile di Cantiere dovrà essere approvato per iscritto da Modula, che avrà altresì il diritto di pretendere, in qualsiasi momento, la sua sostituzione qualora, a suo insindacabile giudizio, la persona designata non sia in possesso dei necessari requisiti. In ogni caso la citata approvazione o richiesta di sostituzione non comporterà per Modula assunzione di responsabilità e non libererà l’Appaltatore dalle responsabilità derivanti dall’operato del proprio rappresentante e dei suoi coadiutori.
11.5 La/e persona/e indicata/e dall’Appaltatore ai fini di cui ai precedenti paragrafi 11.1 e 11.2 dovranno essere in possesso di adeguata competenza tecnica e delle necessarie deleghe.
11.6 Resta comunque inteso che eventuali limiti al potere di rappresentanza dei dipendenti dell’Appaltatore nel compiere atti riferiti all’Opera dovranno essere preventivamente portati a conoscenza di Modula per iscritto. In mancanza, i dipendenti dell’Appaltatore che, nell’esecuzione del Contratto, compiano atti (quali, a titolo meramente esemplificativo, la partecipazione a riunioni, la sottoscrizione di lettere, verbali o documenti, ecc.) in rappresentanza dell’Appaltatore si considerano muniti di ogni idoneo potere.

Art. 12 ATTREZZATURE SPECIFICHE

12.1 L’Appaltatore è tenuto ad eseguire l’Opera utilizzando propri macchinari, attrezzature ed una strumentazione opportunamente tarata e/o verificata per l’esecuzione dei controlli pianificati, che dovranno essere conformi, regolarmente denunciati e regolarmente mantenuti in ottemperanza alle normative vigenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro, mettendo a disposizione del committente, nel caso fosse richiesto, opportuna documentazione relativamente alla conformità delle attrezzature utilizzate ed alle attività di verifica periodica e di manutenzione. Sarà inoltre cura dell’Appaltatore rendere disponibili evidenze delle tarature summenzionate su richiesta da parte di Modula.
12.2 Le attrezzature particolari (calibri, stampi, trafile, attrezzature specifiche, attrezzature di controllo, ecc.) che Modula dovesse eccezionalmente mettere a disposizione dell’Appaltatore per l’esecuzione dell’Ordine rimangono di proprietà esclusiva di Modula. L’uso di tali attrezzature è concesso all’Appaltatore da parte di Modula a titolo di comodato gratuito. La restituzione delle attrezzature avverrà a semplice richiesta di Modula, in qualsiasi momento e senza bisogno di motivazione. L’Appaltatore è responsabile per la loro perdita, distruzione o danneggiamento.
12.3 In ordine alle predette attrezzature l’Appaltatore è tenuto a:
a) registrarle come di proprietà Modula;
b) provvedere, ove richiesto da Modula, ad adeguata copertura assicurativa contro l’incendio, il furto, il vandalismo, disastri naturali, manomissione ed altri rischi di perdita o danneggiamento assicurabili;
c) custodirle ed utilizzarle con la massima cura e provvedere, a proprie spese, alla manutenzione ordinaria, senza manometterle o modificarle, salvo che per eseguire interventi connessi al miglioramento dell’Opera da effettuare previa specifica autorizzazione scritta di Modula;
d) segnalare a Modula le riparazioni straordinarie, sostituzioni, modifiche o rifacimenti occorrenti, con la massima urgenza, nel qual caso Modula deciderà se e come provvedervi; le spese relative saranno a carico di Modula sempre che non siano dovute a negligenza od ad altre cause imputabili all’Appaltatore, nel qual caso ogni spesa sarà a carico di quest’ultimo. Gli eventuali vizi o difetti dell’Opera dovuti a difetti delle attrezzature o dei materiali forniti da Modula che l’Appaltatore non abbia prontamente segnalato, saranno ad esclusivo carico e responsabilità dell’Appaltatore;
e) non trasferirle fuori dai propri stabilimenti se non nei limiti di quanto di volta in volta preventivamente autorizzato da Modula;
f) consentire agli incaricati di Modula di controllare, durante il normale orario di lavoro, le modalità della loro conservazione ed utilizzazione nonché il loro stato d’uso;
g) non cederle a terzi a qualsiasi titolo, non costituire su di esse garanzie;
h) non utilizzare o permettere che vengano utilizzate se non per l’esecuzione del Contratto anche dopo la cessazione della relativa fornitura e, comunque, non produrre e/o cedere a terzi, a qualsiasi titolo, direttamente, per l’impiego in produzione o come ricambi, particolari prodotti in esecuzione dell’Opera;
i) conformarsi alle istruzioni che gli verranno fornite da Modula in ordine alla loro riconsegna, rottamazione o conservazione per eventuali forniture destinate ai ricambi dell’Opera;
j) verificarne la rispondenza di conformità alle norme di legge antinfortunistiche;
k) utilizzarle in coerenza con quanto previsto dal libretto di uso e manutenzione del fabbricante;
l) assicurare che il personale risulti qualificato al loro utilizzo ai sensi dell’art.73 del D.lgs. 81/2008 e smi;
m) Su richiesta di Modula, fornire copia degli attestati di formazione dei propri dipendenti in relazione all’uso delle specifiche attrezzature.
12.4 In caso di indebito uso da parte dell’Appaltatore, Modula si riserva la facoltà di addebitare tutti i danni conseguenti a tale indebito uso.
12.5 Le disposizioni di cui ai precedenti paragrafi 12.2, 12.3 e 12.4 si intendono applicabili per quanto compatibili, anche in relazione ai semilavorati ed agli altri materiali di proprietà di Modula che questa abbia messo a disposizione dell’Appaltatore per o in relazione con l’esecuzione del Contratto.
12.6 Ogni eventuale attrezzatura sviluppata e fabbricata appositamente o utilizzata per l’esecuzione dell’Ordine da parte dell’Appaltatore, sarà impiegata da quest’ultimo esclusivamente per l’esecuzione dell’Ordine. Nel caso in cui le attrezzature fabbricate o utilizzate dall’Appaltatore per l’esecuzione dell’Ordine siano di sua esclusiva proprietà, l’Appaltatore concede a Modula l’opzione di acquistare tali attrezzature pagando un prezzo pari al residuo ammortamento delle stesse attrezzature. L’opzione sarà esercitata da Modula tramite richiesta scritta notificata all’Appaltatore, entro 90 (novanta) giorni dall’atto della cessazione del rapporto di fornitura, a qualsiasi causa dovuta.
12.7 Resta inteso che, in qualsiasi caso di risoluzione, anche anticipata, del rapporto di fornitura, l’Appaltatore si impegna a restituire a propria cura e spese le attrezzature franco stabilimento Modula.

Art. 13 AFFIDABILITA’, QUALITA’ E CONTROLLI

13.1 Anche nel caso in cui l’Opera sia realizzata dall’Appaltatore in base alla documentazione tecnica e tecnologica messagli a disposizione da Modula, l’Appaltatore è tenuto ad effettuare e/o far effettuare tutte le prove e/o i controlli necessari a stabilire l’affidabilità e l’idoneità dell’Opera all’impiego previsto nonché la sua conformità alle prescrizioni stabilite dalle norme italiane e del paese cui l’Opera è destinata nonché a quelle segnalate da Modula o comunque applicabili all’Opera. I risultati dei predetti controlli e prove non vincoleranno Modula, la quale si riserva di effettuare propri controlli e di dare il benestare di fornitura a suo insindacabile giudizio.
13.2 L’Appaltatore è tenuto a porre in essere ed a mantenere mezzi e processi produttivi e di controllo idonei ad assicurare che l’Opera, in ogni momento, sia affidabile, di qualità adeguata e conforme alle prescrizioni tecniche indicate da Modula (disegni, norme, capitolati, tabelle, campioni omologati e/o depositati, ecc.). L’Appaltatore è, inoltre, tenuto a segnalare a Modula le innovazioni tecniche che siano suscettibili di migliorare la qualità e/o le caratteristiche dell’Opera, nonché le innovazioni tecnologiche che possono interessare la qualità della stessa.
13.3 Nel caso in cui l’Opera sia soggetta a regolamentazione normativa, italiana e/o straniera (riguardanti la sicurezza, l’antinquinamento, ecc,) l’Appaltatore è tenuto a predisporre una documentazione specifica relativa all’omologazione ed ai processi produttivi dalla quale risulti, fra l’altro, con quali modalità, da chi e con quali risultati sono state collaudate le caratteristiche interessate. Detta documentazione dovrà essere conservata dall’Appaltatore per almeno 15 (quindici) anni e dovrà essere consegnata a Modula su richiesta di quest’ultima. Inoltre, poiché Modula è tenuta nei confronti dei propri committenti a permettere da parte dei medesimi controllo ed ispezioni sui metodi di produzione e di collaudo e sulla documentazione di collaudo, l’Appaltatore si dichiara disponibile a permettere analoghi controlli ed ispezioni anche presso la propria azienda. L’Appaltatore è tenuto ad imporre obblighi analoghi ai propri subappaltatori.

Art. 14 VERIFICHE IN CORSO D’OPERA

14.1 Modula ha libero accesso presso lo stabilimento dell’Appaltatore e comunque presso i locali ove questi o i propri subappaltatori effettuano attività relative all’Opera, durante le normali ore di lavoro, al fine di verificare se l’esecuzione dei lavori si svolge secondo le condizioni stabilite nel Contratto e le regole dell’arte. Nel corso di tali verifiche Modula potrà richiedere all’appaltatore di effettuare prove specifiche sui materiali o l’esecuzione di prove particolari volte ad accertare lo stato di esecuzione dell’Opera.
14.2 L’Appaltatore si impegna ad apporre a sue spese le correzioni ed ad effettuare i rifacimenti dell’Opera che Modula, nel corso di tali verifiche, ritenga necessari in base al Contratto e le regole dell’arte. Qualora l’Appaltatore non ottemperi a quanto sopra, Modula avrà il diritto di effettuare o far effettuare le correzioni od i rifacimenti suddetti a spese dell’Appaltatore. Resta comunque salvo il diritto di Modula di risolvere il Contratto ai sensi del II comma dell’art. 1662 cod. civ.
14.3 Nei casi previsti ai precedenti paragrafi 14.1 e 14.2 i termini di consegna dell’Opera non subiranno rinvii.
14.4 L’esecuzione delle verifiche effettuate da Modula non riduce né elimina l’obbligo dell’Appaltatore di eseguire l’Opera a regola d’arte e di attenersi a tutte le prescrizioni contenute nel Contratto e nei documenti in esso menzionati e non impedisce a Modula di far valere, in sede di verifica finale dell’Opera, vizi o difformità relativi alle parti già verificate nel corso dei lavori.

Art. 15 RESPONSABILITA’ E PROPRIETA’ DEL PROGETTO – VARIAZIONI DELL’OPERA

15.1 Qualora il progetto, i disegni, i capitolati, le specifiche o qualsiasi altro documento riferito all’Opera siano stati eseguiti, anche solo parzialmente, dall’Appaltatore, questi è pienamente responsabile della bontà e dell’esattezza tecnica degli elaborati suddetti anche se approvati da Modula.
15.2 Qualora il Contratto ne preveda la realizzazione, i disegni complessivi definitivi (ivi inclusi, ove previsti, quelli di lay-out, interconnessione impianti, ecc.) dovranno essere inviati in duplice copia a Modula per benestare, prima di dare inizio alla costruzione. Essi dovranno essere tempestivamente aggiornati e consegnati a Modula per benestare in caso di varianti al progetto. Ferma restando la necessità della preventiva autorizzazione scritta di Modula, se si dovessero rendere necessarie correzioni od integrazioni al progetto o agli elaborati realizzati, anche parzialmente, dall’Appaltatore affinché l’Opera sia eseguita a regola d’arte ed atta all’utilizzazione pattuita, l’Appaltatore dovrà eseguirle a sue spese senza diritto ad alcun compenso suppletivo.
15.3 Tutti i progetti e gli elaborati che l’Appaltatore abbia predisposto ai fini della realizzazione dell’Opera sono di proprietà esclusiva di Modula e non potranno essere utilizzati dall’Appaltatore successivamente salvo quelli coperti da precedenti diritti di privativa industriale dell’Appaltatore o di terzi. Essi dovranno essere tempestivamente aggiornati e consegnati a Modula, nella loro versione definitiva, entro e non oltre 30 (trenta) giorni dalla data di accettazione dell’Opera.
15.4 Qualora il progetto o gli altri elaborati dell’Opera siano stati forniti da Modula, l’Appaltatore ha l’obbligo di segnalare per iscritto a Modula ogni variante degli stessi necessaria affinché l’Opera sia eseguita a regola d’arte ed atta all’utilizzazione pattuita. Fanno parte delle varianti suddette anche quelle derivanti dalla modifica di leggi e norme armonizzate che intervengano nel periodo che intercorre tra la conclusione del Contratto ed il passaggio di proprietà dell’Opera. Eventuali vizi o difetti dell’Opera saranno pertanto a carico e responsabilità dell’Appaltatore se questi non avrà proposto per iscritto tempestivamente a Modula le correzioni od integrazioni. Resta comunque stabilito che non potranno essere apportate varianti al progetto o all’Opera senza preventiva specifica variante scritta all’Ordine applicandosi quanto previsto al successivo paragrafo 15.6.
15.5 Resta salva, in ogni caso, la facoltà di Modula di fornire, nel corso dei lavori, ulteriori elementi progettuali, tecnici o altro per una migliore definizione dell’Opera da eseguire ovvero per la correzione di eventuali precedenti inesattezze; in tali casi l’Appaltatore sarà tenuto ad uniformarsi a tali nuovi elementi, senza che ciò gli dia diritto ad alcun indennizzo o maggior compenso.
15.6 Modula potrà richiedere all’Appaltatore, in qualsiasi momento, di eseguire varianti al progetto o all’Opera e l’Appaltatore s’impegna ad eseguire tali varianti in conformità a quanto stabilito nel seguito del presente paragrafo. L’Appaltatore è tenuto a comunicare in forma scritta a Modula, tempestivamente successivamente alla richiesta di Modula ed in ogni caso, prima d’iniziare qualsiasi variante al progetto o all’Opera, le eventuali conseguenze che tali varianti potrebbero comportare rispetto all’Ordine con particolare riferimento, ma non limitatamente, al costo di tali varianti, ai termini di consegna ed all’impatto generale sul compimento dell’Opera. Le varianti al progetto od all’Opera potranno essere apportate dall’Appaltatore soltanto nel caso in cui esse facciano oggetto di specifica variante scritta all’Ordine emessa in conformità a quanto stabilito al precedente paragrafo 2.7. Anche con riferimento alle varianti al progetto o all’Opera si applicherà quanto stabilito al precedente articolo 4. Eventuali varianti al progetto o all’Opera eseguite dall’Appaltatore senza il prescritto Ordine scritto di Modula, non daranno luogo al riconoscimento di corrispettivi a favore dell’Appaltatore, fermo restando che Modula avrà la facoltà di richiedere all’Appaltatore di rimuovere le varianti a cura e spese dell’Appaltatore. In ogni altro caso le variazioni al progetto o all’Opera resteranno a totale carico dell’Appaltatore, essendo il Contratto “a corpo” e rientrando le stesse nell’alea normale del Contratto.
15.7 L’Appaltatore deve apportare all’Opera le variazioni ordinate da Modula anche qualora l’ammontare di tali variazioni superi un quinto del prezzo globale stabilito nell’Ordine e sempre che non eccedano la metà dello stesso, tenuto conto anche di eventuali varianti in diminuzione.
15.8 Modula può, in qualsiasi momento, ordinare variazioni consistenti in riduzioni, sia quantitative che qualitative, dell’Opera. In tal caso il prezzo sarà ridotto in proporzione alla parte di lavoro non eseguita.
15.9 Qualora vengano ordinate da Modula variazioni, sia in aumento che in diminuzione, le relative modifiche di prezzo si compenseranno fino a concorrenza.
15.10 In nessun caso è consentito all’Appaltatore sospendere l’esecuzione dei lavori a causa dell’insorgere di eventuali dissensi relativi alle modalità di esecuzione di varianti dell’Opera o alla determinazione del loro compenso o ai termini di esecuzione delle stesse.

Art. 16 MATERIALI UTILIZZATI NELL’ESECUZIONE DELL’OPERA

16.1 I materiali forniti dall’Appaltatore ed utilizzati per l’esecuzione dell’Opera devono essere di prima scelta, della migliore qualità ed esenti da ogni difetto. L’Appaltatore deve eseguire, a sue spese, le opportune prove e collaudi al fine di stabilire l’idoneità di tali materiali. L’Appaltatore è, inoltre, tenuto ad ottenere, a propria cura e spese ed in tempo utile, tutte le dichiarazioni di conformità e le certificazioni richieste dalla legislazione vigente ed a consegnarle a Modula su richiesta. L’eventuale ritardo nell’ottenimento della documentazione predetta non dà diritto ad uno spostamento dei termini per l’esecuzione dell’Opera.
16.2 Nel caso in cui i materiali necessari all’esecuzione dell’Opera fossero forniti, totalmente o parzialmente, da Modula, l’Appaltatore è tenuto, all’atto della presa in consegna, a verificarne il perfetto stato, segnalando immediatamente a Modula eventuali difetti o anomalie riscontrate. Conseguentemente, dal momento della presa in consegna dei suddetti materiali, l’Appaltatore si assume tutte le responsabilità relative ai vizi degli stessi, esclusa quella derivante da difetti di progetto e/o di costruzione, che non fossero riscontrabili in base a diligente collaudo.
16.3 Eventuali ritardi nella consegna di materiali forniti da Modula non danno diritto all’Appaltatore di richiedere maggiori compensi oltre a quello indicato nel Contratto, ma unicamente il diritto di ottenere una corrispondente proroga dei termini di ultimazione.
16.4 Sarà cura dell’Appaltatore assicurare l’identificazione, l’immagazzinamento, la custodia e la conservazione dei materiali presi in consegna da Modula nonché tenere la contabilità magazzino degli stessi (entrate, prelievi, resi, ecc.). L’Appaltatore dovrà, pertanto, provvedere, a sua cura e spese, a reintegrare i materiali che risultassero mancanti o deteriorati per qualsiasi ragione, nonché a risarcire a Modula i maggiori danni subiti in conseguenza alla perdita od al deterioramento.
16.5 Resta inteso che nessun materiale fornito da Modula può essere utilizzato per usi diversi da quello per il quale è stato fornito, né potrà essere trasportato fuori dal sito presso il quale è stato consegnato senza la preventiva autorizzazione scritta di Modula.

Art. 17 ULTIMAZIONE, VERIFICHE E COLLAUDI - ACCETTAZIONE – PENALI

17.1 L’Opera completa o, qualora espressamente previsto nel Contratto, singole parti di essa, dovranno essere ultimate, complete di tutta la documentazione ad esse relativa (progetto, schemi tecnici, manuali di uso e manutenzione, ecc.) nel termine fissato nel Contratto per la consegna e nel luogo ivi stabilito affinché si possa procedere alle operazioni di verifica e collaudo.
17.2 Nel caso in cui la verifica o il collaudo siano limitati a singole parti dell’Opera, Modula avrà comunque il diritto di sollevare, in sede di verifica e collaudo dell’opera completa, riserve od eccezioni relative a parti già collaudate.
17.3 I termini ed i programmi di consegna indicati nel Contratto sono vincolanti ed essenziali e, rispetto ad essi, non sono ammessi né ritardi né consegne anticipate. Modula, pertanto, ha il diritto di non accettare e/o prendere in consegna l’Opera prima del termine pattuito o ad addebitare a quest’ultimo le eventuali spese.
17.4 L’Appaltatore è tenuto, nel rispetto del termine di ultimazione dell’Opera previsto dal precedente paragrafo 17.1, a dare comunicazione scritta del giorno e dell’ora in cui le operazioni di verifica e collaudo possono avere inizio, con preavviso di almeno 10 (dieci) giorni lavorativi, ove non diversamente pattuito. Tali operazioni potranno essere effettuate anche da collaudatori terzi designati da Modula.
17.5 L’Appaltatore dovrà fare tutto quanto necessario al fine di consentire al o ai collaudatori designati da Modula di eseguire le operazioni di verifica e collaudo prestando al riguardo i mezzi (attrezzature e strumenti di collaudo ecc.) e la collaborazione necessari.
17.6 Le spese delle operazioni di verifica e collaudo saranno a carico dell’Appaltatore ad esclusione di quelle relative al personale designato da Modula.
17.7 Successivamente all’esecuzione delle operazioni di verifica e collaudo dell’Opera (o, nel caso indicato al paragrafo precedente 17.2, di parti di essa) verrà, di norma, redatto apposito verbale in 3 (tre) copie nel quale il collaudatore designato da Modula indicherà l’accettazione della stessa o l’esistenza di eventuali vizi o difformità dell’Opera (e saranno indicati, ove possibile, le cause ed i rimedi). In caso vengano riscontrati vizi o difformità dell’Opera in fase di verifica e collaudo, Modula avrà, a propria scelta, la facoltà di.
a) chiedere l’eliminazione dei vizi o delle difformità (ed in particolare, a titolo meramente esemplificativo, la pronta sostituzione gratuita delle parti difettose), a cura e spese dell’Appaltatore entro un termine perentorio stabilito da Modula;
b) prendere in consegna ed accettare l’Opera applicando una riduzione del prezzo pari ai costi ed alle spese da sostenere per l’eliminazione di tali vizi e difformità, ovvero di
c) risolvere il Contratto. In tal caso si applicheranno le disposizioni contenute nel successivo paragrafo 29.5.
E’ fatto salvo, in qualunque caso, il diritto di Modula al risarcimento dell’eventuale maggior danno subito.
Quanto sopra non pregiudica il diritto di Modula alla garanzia relativa a vizi e difformità dell’Opera per difetti sopravvenuti successivamente all’ accettazione.
17.8 Eventuali osservazioni o riserve dell’Appaltatore verranno annotate nel verbale di collaudo e sottoscritte dal rappresentante dell’Appaltatore oppure dovranno essere comunicate a Modula per iscritto entro 30 (trenta) giorni dal completamento delle operazioni di verifica e collaudo. In mancanza di osservazioni o riserve effettuate con le modalità sopra indicate, le determinazioni di Modula si intenderanno accettate dall’Appaltatore.
17.9 La presa in consegna dell’Opera (o, nel caso indicato al precedente paragrafo 17.2, di parte di essa) avrà luogo qualora, a seguito dell’effettuazione delle operazioni di verifica e collaudo Modula dichiari espressamente, per iscritto, di accettare l’Opera. Resta fermo l’obbligo dell’Appaltatore di eliminare totalmente a proprie spese gli eventuali difetti e/o carenze nei termini indicati da Modula fatto salvo quanto previsto al successivo paragrafo 17.10.
17.10 In caso di mancata ultimazione dei lavori entro il termine fissato nel Contratto per la consegna dell’Opera, ovvero in caso di mancata accettazione dell’Opera da parte di Modula, Modula avrà la facoltà di fissare un nuovo termine di ultimazione dei lavori, ferma restando, sempre che i lavori da eseguire non siano di lieve entità o consistano nell’esecuzione di rifiniture, l’applicazione di una penalità per ritardata consegna pari allo 0,3% del prezzo globale dell’Opera per ogni giorno solare di ritardo rispetto ai termini di consegna stabiliti nell’Ordine e fatto comunque salvo il risarcimento dell’eventuale maggior danno.
17.11 In alternativa a quanto stabilito al precedente paragrafo 17.10, Modula avrà la facoltà, a propria scelta, di accettare l’Opera applicando una riduzione del prezzo pari ai costi ed alle spese da sostenere per completare l’Opera o di risolvere in tutto o in parte il Contratto come stabilito al successivo articolo 29, fatto salvo, in qualunque caso, il diritto di Modula al risarcimento dell’eventuale maggior danno subito.
17.12 In nessun caso, salvo unicamente quello in cui Modula, nonostante la comunicazione scritta effettuata dall’Appaltatore nei termini di cui al precedente paragrafo 17.4, non effettui, senza giustificati motivi, la verifica ed il collaudo dell’Opera entro 60 (sessanta) giorni dal termine fissato dall’Appaltatore, l’Opera potrà essere considerata tacitamente accettata da parte di Modula. E’ comunque fatto salvo il diritto di Modula di subordinare l’accettazione dell’Opera all’accettazione della stessa da parte del proprio cliente finale.
17.13 Nel caso in cui Modula rilevasse violazioni in ambito ambiente e/o salute e sicurezza sul lavoro, avrà la facoltà di applicare delle misure di tutela che, in relazione alla gravità dell’evento, potranno comportare: l’allontanamento dell’Appaltatore dal sito/cantiere, l’applicazione di penali, la risoluzione del contratto nonché l’esclusione dall’elenco dei fornitori qualificati. È fatto salvo in ogni caso il diritto di Modula al risarcimento del danno.
17.14 Si precisa che le disposizioni dei precedenti paragrafi si applicheranno anche, mutatis mutandis, ad ogni Contratto relativo all’esecuzione ed al completamento di Servizi realizzati dall’Appaltatore su incarico di Modula.

Art. 18 MODALITA’ E TERMINI DI SPEDIZIONE

18.1 Le operazioni di marcatura, imballaggio, etichettatura, identificazione, spedizione e trasporto dell’Opera o di parti di essa dovranno avvenire conformemente alle istruzioni di Modula ed alle normative ad esse applicabili. L’Appaltatore sarà tenuto al risarcimento dei danni derivanti da qualunque ritardo, perdita o danneggiamento dovuti a carenze di marcatura, imballaggio, etichettatura, identificazione, spedizione, per mancato rispetto delle istruzioni e normative suddette. In particolare, per il trasporto, salvo ulteriori disposizioni specifiche presenti nell’Ordine o concordate con Modula, l’Appaltatore si impegna a provvedere ad assicurare il carico per tutti i possibili incidenti o danni che possano occorrere durante il trasporto (a titolo meramente esemplificativo, furto, incendio, danneggiamento, perdita, ecc.) con idonea polizza di gradimento di Modula, contratta presso una primaria compagnia di assicurazione, approvata da Modula ed a ricorrere tassativamente a vettori che offrano servizi conformi ai migliori standard internazionali vigenti nel settore (in particolare: mezzi di trasporto idonei al carico trasportato e dotati di adeguato sistema antifurto), soggetti a preventiva approvazione espressa da parte di Modula. L’Appaltatore comunicherà a Modula con congruo preavviso i nominativi dell’assicuratore e del vettore per approvazione.
18.2 Modula si riserva la possibilità di richiedere all’Appaltatore l’utilizzo di avvisi di spedizione telematici in conformità ai propri standard operativi.

 

Per visualizzare interamente il documento scaricare il pdf.

VUOI CONOSCERE COME VIENE PRODOTTO IL TUO MODULA?

Se sei interessato a un magazzino verticale e vuoi scoprire la nostra fabbrica 4.0 puoi richiedere una visita a un nostro commerciale o scoprirlo nel nostro video

Contattaci